Quale tablet per prendere appunti

Uno dei vantaggi dei tablet è la loro grande portabilità, ma non sono solo leggeri e di dimensioni contenute, ma sempre più potenti e decisamente versatili. Dai tablet con solo Android o iOS senza dimenticare quelli con Windows in versione completa, dei veri e propri portatili in miniatura e con schermo touchscreen.

Se state cercando un buon tablet da acquistare, date un’occhiate alle offerte sui migliori tablet per appuntimigliori tablet per appunti

Se però c’è una cosa che tutti vorremmo fare con il tablet quella è prendere appunti con penna come se fosse un foglio di carta. Come sappiamo esistono tantissime penne dette capacitive, che grazie ad una struttura metallica collegata ad una punta di materiale vegetale riescono a creare un prolungamento della nostra mano capace di andare a interrompere il campo elettronico del display touchscreen come se fosse un dito vero. Però queste penne sono decisamente poco professionali e adatte alla scrittura di testi per più di qualche parolina messa qua e là. La soluzione potrebbe essere allora un tablet con digitalizzatore attivo, ovvero una funzione che ne permette l’uso con determinate tecnologie di penne. Da sempre Samsung punta su questi prodotti, il Galaxy Note fu il primo phablet con queste caratteristiche e il suo enorme successo ha spinto la società coreana a produrre anche dei tablet con questa funzione. Se scorrete infatti la lista dei miglior tablet sui 400 euro 2015 troverete tra gli altri il Samsung Galaxy Note 10.1 con digitalizzazione attiva e la pennina Samsung inclusa. Prendere appunti con questo tablet sarà decisamente diverso che farlo con un tablet classico. Il vantaggio infatti di poter usare una penna dalla punta più piccola, simile alle nostre stilo, e di avere un display con una velocità di risposta decisamente migliore. Scrivere con una penna capacitiva classica infatti presenta anche l’inconveniente che la scrittura su schermo arriva con circa un secondo di ritardo se siete particolarmente veloci, e questa cosa può produrre sensazioni sgradevoli nell’uso prolungato per la scrittura del tablet. Il tablet Samsung, come tutti i suoi prodotti della serie Note, è invece perfettamente ottimizzato per rendere la tavoletta touch screen che state usando un vero e proprio sostituto del foglio di carta. Sarà necessario soltanto affidarsi a qualche applicazione che replichi un quaderno classico, e ce ne sono decine e decine anche gratuite sul Google Play Store, per completare il tutto. Magari una spesa leggermente superiore rispetto un tablet classico, ma per motivi chiari ed evidenti che valgono la differenza di prezzo.